Che lo sport riduca il rischio cardiaco è ormai piuttosto risaputo. Fare sport fa bene per molti motivi ma il cuore ed il sistema circolatorio sono senza dubbio quelli che ne traggono il maggior beneficio. Ogni sport però sottopone il corpo a sforzi differenti, più o meno intensi a seconda del tipo di disciplina e del carico di lavoro.

Prima di scegliere un’attività da praticare è quindi consigliabile capire se si è predisposti ad essa, ma soprattutto se il corpo è in grado di sostenere gli sforzi richiesti al suo svolgimento. Fare una camminata quotidiana è ben differente dal giocare una partita di calcio per 90 minuti, per questo motivo è sempre consigliabile cominciare per gradi, soprattutto se si riprende dopo un lungo periodo di inattività.

 

I fattori di rischio per il cuore e benefici dell’attività fisica

Il rischio cardiaco è influenzato da diversi fattori. Gli studi hanno dimostrato che le malattie cardiache hanno un’incidenza più alta sui soggetti che fumano, su coloro che soffrono di ipertensione arteriosa o ipercolesterolemia, ma quello che più di tutti influisce è la sedentarietà.

L’essere umano è a tutti gli effetti un animale, e come tale è stato progettato dalla natura per cacciare, raccogliere, correre e muoversi costantemente. La vita moderna e le comodità hanno tuttavia reso queste necessità superflue, determinando l’insorgenza di patologie legate allo scarso utilizzo di organi importanti come cuore e polmoni.

È in questo frangente che l’attività fisica (non solo legata alla pratica di sport) risulta fondamentale per la prevenzione delle malattie cardiache e non solo. Non è necessario correre la maratona o partecipare a sessioni di allenamento intensivo, ma sarà sufficiente svolgere attività quotidiane come camminare, salire le scale, fare le pulizie o giardinaggio per 30 minuti al giorno.

In questo modo si possono prevenire, oltre ai rischi per il cuore, anche patologie come il cancro all’intestino o al colon, l’ipertensione arteriosa, l’osteoporosi, l’ansia, lo stress e la depressione.

 

Quali sport scegliere

La scelta dello sport o dell’attività da praticare dipende da molte cose fra cui: inclinazioni personali, passioni, capacità fisiche, eccetera. Se si vuole cominciare con sport a bassa incidenza di rischio cardiaco le scelte migliori sono:

  • il podismo;
  • il jogging o il footing;
  • il nuoto;
  • il ciclismo in pianura;
  • la caccia;
  • la canoa;
  • il golf.

Cosa ne pensi? Hai domande? Scrivici